Rientro di capitali dall’estero. Sequestrate disponibilità finanziarie per 150 mila euro circa ad un imprenditore comasco

2' di lettura 16/02/2023 - Nei giorni scorsi, i Finanzieri della Compagnia di Olgiate Comasco, all'esito di una incisiva attività investigativa, svolta con il coordinamento della Procura della Repubblica di Como, hanno eseguito un Decreto di sequestro preventivo, emesso dal G.I.P. del Tribunale lariano, nei confronti di una società comasca, fino a concorrenza del valore complessivo di oltre 146.000 euro.

L’attività d’indagine, scaturita nell’ambito della quotidiana attività di monitoraggio del sistema finanziario allo scopo di reprimere il riciclaggio di proventi illeciti, ha consentito di individuare una società, operante nel settore delle costruzioni meccaniche, che risultava beneficiaria di un accredito bancario di oltre 600 mila euro, disposto da una holding finanziaria di diritto estero, apparentemente giustificato con l’acquisto delle quote della suddetta società italiana e con il contestuale finanziamento soci.

Le attività esperite, al fine di comprendere la reale natura dell’ingente investimento finanziario, hanno permesso di individuare documentazione extracontabile, attestante la reale riconducibilità di detti depositi finanziari esteri in capo all’amministratore pro-tempore dell’impresa italiana, svelando inequivocabilmente il reale scopo dell’operazione come una forma illecita di rientro di capitali. Ciò, inoltre, veniva suffragato dalla mancata applicazione delle previsioni contrattuali, ragion per cui la società estera non acquisiva, di fatto, alcuna partecipazione societaria e non richiedeva alcuna restituzione, nemmeno parziale, della somma erogata.

Sotto un profilo prettamente fiscale, trattandosi quindi di disponibilità godute, per le quali la società e, per essa, il suo amministratore, non ne avevano previsto la restituzione, sono state integralmente riprese a tassazione, venendo così qualificate, ai fini dell’Imposte Dirette e dell’IRAP, quali plusvalenze.

Stante il superamento delle soglie di punibilità, è stata informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Como, la quale ha richiesto ed ottenuto un Decreto di sequestro preventivo, anche in forma per equivalente, a tutela della pretesa erariale sulle imposte dovute, a carico del soggetto indagato, nei confronti del quale - fermo restando la presunzione d’innocenza per i fatti penalmente rilevanti - sono state sequestrate disponibilità finanziarie fino a concorrenza di 146.380,00 euro.






Questo è un articolo pubblicato il 16-02-2023 alle 10:06 sul giornale del 17 febbraio 2023 - 20 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere milano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dSZM





logoEV
qrcode